Sous Vide vs. Reverse Searing

Sous Vide

Quale garantisce la bistecca perfetta

Il mondo che ci circonda evolve con una velocità esasperata. A volte nemmeno ci accorgiamo dei cambiamenti e in men che non si dica ci siamo persi due o tre passaggi, sentendoci come indigeni del Borneo che improvvisamente vengono catapultati in mezzo a Times Square. E’ la logica conseguenza dell’epoca che stiamo vivendo: digitale, frenetica, ipersollecitata dalle informazioni. Banale ma assolutamente vero. Di solito si tende a parlare di queste cose dandogli un’accezione fortemente negativa, come espressione del degrado dei rapporti sociali ma io sono convinto che in ogni cosa ci siano sempre lati positivi e negativi. Il giudizio complessivo dipende da quali di questi si vuole vedere per primi.

Nel mondo della cottura a fuoco, uno degli aspetti che valuto sicuramente come positivi è dato dalle contaminazioni. I limiti in ambito gastronomico sono sempre più labili, non esistono più porti franchi e tutto è diventato un’unica enorme terra di confine. Basta guardarsi intorno per scoprire come siamo circondati da interpretazioni etniche di piatti nazionali o al contrario, di italianizzazioni di piatti e tecniche appartenenti ad altri paesi. Il nostro mondo da questo punto di vista è esploso mediaticamente proprio in mezzo a questo contesto e non poteva quindi non esserne una delle principali espressioni.

Per chi non lo sapesse, o per chi come me si perde ogni tanto qualcuno di quei famosi passaggi, negli ultimi tempi è diventato di moda tra i grillers 2.0, l’utilizzo del Sous Vide per la fase di precottura delle bistecche che anticipa quella di grilling in senso stretto, in sostituzione del Reverse Searing che noi “matusa” eravamo abituati a fare. Ma sono metodi equivalenti? Quali dei due produce risultati migliori e sotto che punto di vista? Proviamo.

Al solito, è opportuno però chiarirsi prima sui termini.

Precottura

Un metodo di cottura “evoluto” della bistecca prevede una fase antecedente a quella di griglia diretta ad alta temperatura, durante la quale viene “mantenuta” ad una temperatura controllata, generalmente compresa tra i 30°C e i 50°C per un tempo di circa un’ora. Queste condizioni attivano alcuni enzimi latenti, le Catepsine che innescano un’azione di demolizione parziale delle fibre della bistecca rendendola incredibilmente tenera. Oltretutto questa fase avvicina e di parecchio la temperatura in cui avviene la Reazione di Maillard, rendendo la fase di grilling davvero velocissima.

Sous Vide

E’ un metodo di cottura molto in voga nell’alta cucina, che sta diventando negli ultimi anni sempre più diffusa sia nella ristorazione più “proletaria” sia a livello amatoriale grazie alla nascita di dispositivi domestici che la rendono ormai davvero alla portata di tutti. Si tratta in sostanza di una cottura a bassa temperatura per lunghissimo tempo di moltissime tipologie di alimenti i cui effetti sono in parte quelli visti per la precottura ma più in generale si potrebbe dire che ha nella morbidezza e nella succosità delle carni i suoi punti di forza, giocando su consistenze ed intensità di gusto inusuali per altri metodi di cottura. Fisicamente si tratta di far permanere l’alimento sottovuoto in un ambiente liquido a temperatura fissa con valori di temperatura e tempo dati.

Per ricondurre tutto questo al Grilling, come dicevo, è recentemente in voga effettuare la fase di precottura attraverso il Sous Vide. I cultori di questo metodo ritengono che questo coniughi i massimi benefici della cottura a bassa temperatura con i meravigliosi profumi, colori e sapori della griglia.

Reverse Searing

E’ uno degli approcci di cottura che sono stati portati alla conoscenza del grilling italiano di massa alcuni anni fa da Gianfranco Lo Cascio e da li in poi diventato un metodo molto comune ed apprezzato. Si tratta del cosiddetto Metodo Finney, dal nome del suo inventore, nel quale viene invertito l’ordine delle procedure operative tipicamente utilizzate nelle Steakhouse, ovvero di far succedere alla fase di grilling una stasi in forno a temperatura di mantenimento, in attesa dell’ordine del cliente, soddisfatto just in time. In questo caso la fase di stasi è antecedente a quella di grilling, comunque estremamente veloce, con molti vantaggi riconducibili a ciò che abbiamo detto per il Sous Vide. Da qui il nome Reverse Searing, cauterizzazione inversa.

Il Test

E’ venuto il momento di esprimere un giudizio, bistecca in mano, attraverso il confronto di alcune prove. Partiamo dal dire che il test sarà su bistecche tagliate al momento da uno stesso tronchetto di Manzo. Le bistecche saranno senza osso per avere la miglior uniformità di cottura possibile. Indicazioni Sous VideNon ho dato particolare importanza al peso, in quanto ritengo sia decisamente più importante l’uniformità di spessore che sarà esattamente di due mie dita ciascuna. Su tutte faremo una fase di precotttura. Il test sul Reverse avverrà in base a quelle che ritengo essere le migliori condizioni possibili, ovvero precottura per 35°C per 1 h e poi grilling feroce. Se parliamo di Sous Vide invece il discorso si fa un pochino più complicato. Francamente non posso dire di essere un esperto, quindi mi devo rifare ad indicazioni esterne. Sento e leggo però a questo proposito pareri molto discordanti: alcuni dicono che effettuare le precottura senza una forma di condimento (tipicamente burro) nel sottovuoto esprima risultati non soddisfacenti, altri sostengono che a parte un leggero spiazzamento riguardante l’insolita texture della carne, la semplice precottura sia tutto ciò che serva. In generale comunque vedo che a livello di temperatura ci si rifà sempre alle indicazioni di utilizzo suggerite sulla app della Anova, produttrice dell’apparecchio che andremo ad utilizzare per il test. Questa indica per una Ribeye a cottura Medium Rare, un’ora di precottura a 54°C, sensibilmente più alta di quella a cui io effettuo quella relativa al Reverse Searing.

Taglio Bistecche Sous Vide
Taglio Bistecche Sous Vide

Taglio Bistecche Sous Vide
Taglio Bistecche Sous Vide

Salomonicamente decido di effettuare la precottura su 4 ribeye: una come detto, in un kettle settato a 35°C come faccio di solito, le altre tre con Anova. Tra queste una a 54°C in semplice sottovuoto, una a 54°C con una noce di burro ed infine una sempre in semplice sottovuoto ma a 35°C, giusto per replicare le medesime condizioni del mio solito riverse searing. Il tutto per un’ora. La ricetta Anova propone in aggiunta delle semplicissime spezie come Sale e Pepe ma solo come opzionali, segno che non le ritiene determinanti per il risultato finale. Decido cosi di applicare su tutte e 4 lo stesso trattamento che faccio di solito, ovvero un seasoning appartenente allo stile Montreal, che dona intensità e profondità di gusto alle mie bistecche senza risultare invasivo. Ho detto seasoning, non rub. Questo quindi non contribuirà in alcun modo alla formazione del bark. Decido inoltre di accelerare il più possibile la fase di cauterizzazione, in modo da minimizzarne le variabili e da evidenziare il più possibile il contributo della fase di precottura. A questo scopo, utilizzerò una piastra in ghisa arroventata, che mi dia stabilità, uniformità e potenza di cauterizzazione. Procederò infine alla prova a valle di un pasto leggero, in modo che la fame non influenzi il mio giudizio ma nemmeno che la sensazione di sazietà faccia prevalere il peso degli eventuali aspetti negativi su quelli positivi. Direi che è ora di cominciare.

Reverse Searing Sous Vide
Precottura Sous Vide 35

Cottura Sous Vide 35
Cottura Sous Vide 35

La prima fase del test riguarda le precottura a 35°C. Aziono l’Anova per la bistecca sottovuoto e stabilizzo il mio kettle con quella libera, dopo di che imposto un countdown di 60 minuti. Quando ne mancano all’incirca 20 metto la piastra di ghisa in precottura alla massima potenza di fuoco di un Broil King Regal 420. Prima di buttare all’unisono le bistecche sulla piastra gli passo sulla superficie un filo di olio e nient’altro. La ghisa è rovente, un paio di giri e in un attimo siamo a 55°C al cuore, la mia temperatura di cottura preferita.

Cottura Reverse Searing
Reverse Searing

Sous Vide 35°C
Sous Vide 35°C

Considerazioni: sia quando ho tolto le bistecche dalla precottura, sia quando le ho tolte da cottura in piastra, non ho notato alcuna differenza ne i termini di morbidezza, ne in termini di texture. Anche all’aspetto, se non mi fossi segnato a quale tecnica appartenessero, avrei potuto tranquillamente confonderle tra loro. Al taglio entrambe opponevano lo stesso grado di resistenza, praticamente nullo. La vera differenza si è avuta in bocca: mi dispiace per i miei amici Anovisti ma qui il Reverse vince a mani basse. La bistecca in sous vide era certamente molto buona ma non aveva la complessità aromatica e l’intensità di gusto di quella in Reverse Searing. Ho cercato di essere il più obiettivo possibile ma qui non è una questione di sfumature, quella in Reverse ti esplodeva letteralmente in bocca! E’ altrettanto vero però che qui non abbiamo seguito i consigli del produttore e abbiamo fatto di testa nostra. Diamo all’Anova la rivincita e questa volta lo facciamo giocare in casa: precottura a 54°C  di entrambe le bistecche in sottovuoto rimanenti: quella con e quella senza burro.

Sous Vide 54°C
Cottura Sous Vide

Cottura Sous Vide 54°C

Stessa procedura della prima fase: countdown di 1 ora non appena l’Anova ha portato l’acqua a temperatura, riscaldamento della piastra con venti minuti di anticipo, un filo di olio sulla superficie e grilling feroce. Partiamo dal dire che qualcosa è cambiato: una consistenza strana, sicuramente tenera ma allo stesso tempo più compatta di quella delle bistecche precedenti. Non noto grandi differenze tra le due. Mi aspettavo di vedere quella messa sotto vuoto con il burro, grondare di condimento ma non è stato assolutamente cosi. Non appena ho infilato la sonda mi sono trovato già oltre i 57°C e devo ammettere di avere avuto qualche dubbio su come comportarmi in griglia. Ho deciso cosi di far permanere le bistecche sulla piastra il minimo tempo utile per raggiungere una cauterizzazione decente senza preoccuparmi più della temperatura interna, cosa che per altro è avvenuta davvero molto in fretta.

Sous Vide 54°C con Burro
Sous Vide 54°C con Burro

Sous Vide 54°C senza Burro
Sous Vide 54°C senza Burro

Considerazioni: Consistenza a parte, l’aspetto estetico non differisce gran che da quello delle due bistecche precedenti. Al taglio, mostrano un colore rosa intenso ed uniforme su tutta la superficie, che è poi il segno visivo distintivo di questo genere di cottura. La prova del gusto, come la volta prima è quella che segna le maggiori differenze. Effettivamente il produttore ha ragione: entrambe sono meglio della sous vide a 35°C, il sapore è sicuramente più ricco. Tra le due mi sento assolutamente di dare ragione a chi sostiene l’esigenza del burro. Sembra che il condimento sia stato perfettamente assorbito dalla bistecca e che lo rilasci ad ogni morso in modo molto intenso dando effettivamente alla bistecca un plus non trascurabile.

Conclusioni

In conclusione del test se devo esprimere un giudizio definitivo, direi che la cottura in sous vide ha caratteristiche sicuramente diverse sia per consistenza e texture che per intensità di gusto. Mi sentirei di dire che la scelta può essere una questione di gusti personali. Per quanto però questa seconda fase abbia riportato l’esperienza del Sous Vide più vicina ad un confronto paritetico, il mio voto finale va al Reverse Searing. Forse perché vi sono più abituato ma le emozioni della prima bistecca non le ho ritrovate in nessuna di quelle successive ne per intensità ne per complessità, senza che la cottura in sous vide abbia poi apportato vantaggi davvero differenziali per ciò che riguarda la morbidezza.

E voi le avete mai provate? Quale preferite?

Scritto da
Altri articoli scritti da Boss

I Smoked All Night Long

Una nuova vecchia canzone barbecue He grilled fast and thin, he kept...
Leggi tutto

15 Comments

  • interessantissimo.. io ho sempre usato solo il reverse ma in forno e a 50° .. mi chiedevo come fai a mantenere 35° nel kettle per 1 ora.. accendi 1 bricchetta? 😀 giuro non saprei come fare

    • Ma certo. Il Post sul prefreezing è nato dopo ma ci starebbe tutto. Se hai seguito l’evoluzione dei commenti sul post, si è parlato di una sorta di laboratorio sul RS e si potrebbe provare anche questo. Sarebbe una sacco bello 😉

  • Il Reverse di solito lo faccio in modo diverso puntando a portare la carne al cuore verso i 50 gradi, tenendo il forno sui 52°, così in effetti c’è il rischio di andare over overcooking, tu mi cambi completamente la prospettiva, 35° per un ora, senza controllare la T al cuore. Il tempo vale per tutte le bistecche? anche se da 4 dita?

    • Si, confermo la tua linea. La trovo anch’io una temperatura scomoda, oltre a darmi risultati meno soddisfacenti.
      Sai, io sono molto sul “take it easy” e mi baso di più su un approccio empirico. La lascio a 35° fino a quando non ottengo la consistenza che dico io. Considera comunque che francamente non ho mai avuto una reale necessità di arrivare alle due ore. Ti racconto un aneddoto: in una importante manifestazione nazionale un’associazione di tutela di una razza bovina italiana molto importante ma non famosa per essere tenerissima. Ha visto che presentavo il RS e mi ha velatamente e simpaticamente “sfidato” a farlo con un loro controfiletto. Dopo circa 90 minuti a 35°C l’ho tirato fuori che letteralmente mi faceva la “U” sul dito, come una fetta di Brisket. Dovevi vedere le loro facce…. 😀

  • Non ho capito una cosa: per un’ora intendi il lasso di tempo che fai rimanere la carne una volta raggiunti i 35 gradi oppure setti la temperatura della camera a 35 gradi e tieni la carne un’ora in tutto a quella temperatura?

  • Una domanda….se metti la bistecca per un ora a 35°C, dubito fortemente che la temperatura interna, soprattutto per pezzi grossa di ciccia, raggiunga i 35°C, ma penso che la superficie si disidrati per bene per cui la Maillard si inneschi subito. E qui scatta la domanda: non ce il rischio che la crosta si sia formata e tu sia troppo indietro come temperatura interna??? Te lo chiedo perhè quando io faccio reverse tolgo la carne quando la temperatura interna e sui 46-47°C e dopo la sbatto sul kettle e veramente mi basta meno di un minuto per lato, e su pezzi grossi, la temperatura, in questo tempo, sale si e no di 1-2°C.

    • Ciao Mario. Quesito interessante sul quale vale la pena spendere qualche riga.
      Partiamo da due considerazioni a cui ne aggiungo poi una terza:

      1. Qualsiasi corpo posto in una camera di cottura a qualsiasi temperatura (ovviamente più alta della sua temperatura interna) tenderà ad acquisirne energia termica, ovvero calore. Chiaramente a 35°C, semplicemente ci metterà più tempo, se la bistecca sarà più grossa ci vorrà ancora più tempo e cosi via. Posso però dirti una cosa? è un parametro che mi interessa poco.
      2. Se è vero dal tuo assunto, che la sollecitazione termica della bistecca sarà inferiore a 35°C lo è anche nei confronti della sua umidità superficiale e quindi sul livello della sua disidratazione. Dopo un’ora, una bistecca in RS a 35°C sarà quindi presumibilmente meno disidratata di una a 50°C. Posso però dirti un’altra cosa? è un parametro che mi interessa ancora meno del precedente. Unicamente a titolo di esempio, guarda nelle immagini del post: sono affiancate a più riprese due bistecche, una stabilizzata in Sous Vide (sulla quale essendo per definizione avvenuta sotto vuoto possiamo assumere che la disidratazione superficiale sia zero) e una invece in kettle e poi finite entrambe sullo stesso dispositivo. Ritieni che quella a sinistra sia diversa dall’altra in termini di cauterizzazione superficiale?

      La terza considerazione che aggiungo e che ti motiva il mio disinteresse nei confronti dei due punti precedenti è:

      3. Il Reverse Searing nasce come metodo per soddisfare più persone in un tempo più breve, occupando lo spazio in cottura diretta per un tempo infinitamente più breve rispetto al metodo tradizionale americano (prima cottura in griglia e poi mantenimento in forno, da qui il nome Reverse Searing, ovvero cauterizzazione inversa = all’inverso di come si fa i solito. Prova a guardare “Il Diavolo veste Prada” c’è una scena della segretaria che va in una Steakhouse a ritirare una bistecca “to go” per il suo capo, in cui si vede benissimo come avviene il metodo tradizionale). Da qui la scoperta che il metodo ha una serie di benefici, tra i quali quello di gran lunga più importante è l’intenerimento delle fibre: il RS ha come conseguenza fondamentale quella di rendere tenerissima una carne con una consistenza mediocre. Il motivo è che a quelle temperature per un tempo adeguato (ecco perchè proprio 1 ora) particolari enzimi (le catepsine) vengono attivate e innescano una reazione di scissione della catena proteica, accelerando un processo che è presente anche nella frollatura della carne. In buona sostanza la inteneriscono. Lo stesso inventore Christopher Finney sul suo sito, pone l’accento in primo luogo proprio su questo fattore come principale manifesto della sua scoperta.
      In Italia si tende a mio avviso erroneamente, ad iconizzare troppo gli altri effetti collaterali del Reverse Searing minimizzando quest’ultimo che io invece considero di gran lunga il più importante. Per tuo divertimento, leggi pochi commenti qui sopra il racconto di quell’aneddoto relativo alla cottura in fiera di una carne nazionale, che secondo me ti descrive più di mille altre parole questo effetto.
      Non mi fraintendere, non trascuro del RS l’omogeneità di cottura del risultato e tutto il resto ma non è nulla che non mi sia capitato di ottenere anche con altre tecniche di cottura, mentre la tenerezza del RS è secondo me inimitabile 😉

      Per arrivare infine alla risposta alla tua domanda, io (e molti lettori e corsisti con i quali mi è capitato di parlarne) rilevo invece più il pericolo opposto: che una temperatura cosi a ridosso di quella target, se non si sta più che attenti possa far incorrere nell’errore e portare la bistecca a overcooking. Tu mi dirai che se fai una disidratazione più che perfetta ti basta 1 minuto di cottura a raggiungere la cauterizzazione ideale ed il pericolo è scongiurato e hai assolutamente ragione. Però mi pongo un quesito: perchè rischiare? Che vantaggi ho a cercare una velocità di cauterizzazione cosi sul filo di lana? Nelle bistecche del test la finalizzazione sarà durata circa 3-4 minuti (quindi comunque veloce) consentendomi di far crescere adeguatamente la temperatura interna. Non ritengo che dalle foto possa essere definita una cauterizzazione insufficiente ne che sia eccessiva. Eppure nel test ho rispettato esattamente il grado di cottura che ci si era prefissati come obiettivo, che rileggendo era di 55°C al cuore. Giusto per estremizzare il concetto, prova a dare un’occhiata a questo post in cui partivo addirittura da una bistecca parzialmente congelata 😉
      http://thebarktenders.com/provare-prefreezing/

      Detto questo, esistono mille metodi e a loro modo tutti validi e con le proprie prerogative e peculiarità. Non esistono assolutismi ma solo spunti attraverso i quali ciascuno di noi può trovare la propria strada. Take it easy e divertiti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *